I pericoli della montagna innevata

Frequentare in sicurezza la montagna innevata significa capire la stabilità del manto nevoso, 

capire quando e dove potrebbero esserci insidie.

Chiunque si avvicini a un ambiente naturale dovrebbe conoscere e accettare le regole

che governano il luogo.  

E’ indispensabile leggere i bollettini meteoreologici!!!

Il rischio zero non esiste. 

Nel caso in cui vi sia una valanga occorre estrarre la persona in pochi minuti,

e tale rapidità può esser garantita solo da chi si trova sul posto.

Questo è il caso di “autosoccorso”,  per cui è necessario un set di sicurezza composto da un apparecchio di localizzazione (ARTVA), una pala, una sonda. 

Nel caso in cui si venga colpiti da una valanga, l’immediata estrazione garantisce la sopravvivenza superiore al 90%, i “morti immediati”, lo sono per traumi, dovuti all’impatto con la massa nevosa, urti contro ostacoli (alberi, massi,…)

Tra i 15-20 ‘ e i 40-45’ la sopravvivenza scende fin sotto il 30%

i decessi sono quasi totalmente per asfissia.

La persona travolta deve riuscire a trovare la cosiddetta “sacca d’aria”,

davanti alle vie aeree, a mantenerle libere e ad avere un minimo di spazio per l’espansione

della cassa toracica.